Please assign a menu to the primary menu location under menu

I Consigli

Tappe imperdibili culinarie e non a verona

mangiare a verona

Verona, denominata la Città degli innamorati, grazie alla storia d’amore nata tra Romeo, appartente alla famiglia dei Montecchi, e Giulietta, appartente alla famiglia dei Capuleti. Le due famiglie acerrime nemiche sono causa della morte dei due giovani ragazzi. Questa tragica fine ha fatto sì che le due famiglie si riconciliassero tra loro. Ed è per questo che merita assolutamente una visita la casa di Giulietta, simbolo della città ed in particolare il noto balcone dove si affollano la maggior part dei turisti per lo scatto fotografico (qui sotto, secondo la leggenda, Romeo avrebbe dichiarato il suo amore a Giulietta).
Caratteristico è il cortile con una parete piena di lucchetti lasciati da tutti coloro che hanno visitato la casa di Giulietta e piena di messaggi d’amore più disparati.

Bhè c’è tanto altro da vedere. Una volta arrivati in città non potete perdere la famosa Piazza Brà, popolata con caffetterie e ristoranti, e con al centro l’Arena di Verona, terzo anfiteatro romano più grande d’Italia dopo il Colosseo e l’anfiteatro di Capua.
L’Arena può accogliere ben 20.000 spettatori grazie alla sua forma ellittica oltre agli innumerevoli concerti si tengono all’anno.

Percorriamo la Via dello shopping, via Mazzini fino ad arrivare a Piazza dell’Erbe, una piazza nella quale pullulano palazzi rilevanti, come il Palazzo della Ragione, le Case Mazzanti, il Palazzo Maffei e la Casa dei Mercanti. La parte centrale della piazza è piena di bancarelle che vendono food o oggetti tipici. Qui è necessaria una sosta sulla Torre dei Lamberti, alta ben 84 metri, dove potete godere di una vista mozzafiato su tutta la città con un vento strepitoso. Dopo un tour frenetico è ora di pausa pranzo.

Foodding vi consiglia di sostare al Bep’s Premium Burger (Indirizzo: Via Dogana, 1 Angolo Ponte Navi Telefono: 045 4971301 Orari: 12.00 /14.30 – 19.00/23.30) con una sala interna e una esterna che affaccia direttamente sull’Adige trasmettendo una sensazione indescrivibile. Un panino che ci ha colpito particolarmente è stato l’Old bep’s à Burger angus 180 gr, bacon, cheddar, salsa bbq.

Con una pancia piena e con un buon recupero di energie non vi resta che avviarvi verso il ponte di Castelvecchio, lungo il quale potete godervi lo spettacolo sulle sponde dell’Adige. Costruito con i mattoncini rossi tipici della Verona medievale vi darà la possibilità di scattare foto sensazionali.
Vi ricordiamo che la prima domenica di ogni mese, da ottobre fino a maggio, è prevista la tariffa unica di 1,00 euro nei seguenti musei e monumenti:

Museo di Castelvecchio (Lunedì dalle 13.30 alle 19.30, da martedì a domenica dalle 8.30 alle 19.30)
Museo Lapidario Maffeiano (Da martedì a domenica dalle 8.30 alle 14:00)
Tomba di Giulietta e Museo degli Affreschi “G. B. Cavalcaselle” Via del Pontiere 35 (Lunedi 13:30 alle 19:30 oppure domenica 8:30 alle 19:30)

Museo Archeologico e Teatro Romano Rigaste Redentore 2 (Lunedì dalle 13.30 alle 19.30, da martedì a domenica dalle 8.30 alle 19.30)
Museo di Storia Naturale (aperto da lunedì a giovedì dalle 9:00 alle 17:00, il sabato e la domenica dalle 14:00 alle 18:00, chiuso il venerdì)

Anfiteatro Arena: Piazza Brà (Lunedi 13:30/19:30 oppure domenica 8:30/ 19:30 )
Casa di Giulietta: Via Cappello 23 (Lunedì dalle 13.30 alle 19.30, da martedì a domenica dalle 8.30 alle 19.30)
Galleria d’Arte Moderna Achille Forti a Palazzo della Ragione (Da martedì a venerdì dalle 10:00 alle 18:00, sabato e domenica dalle 11:00 alle 19:00, chiuso il lunedì)

Torre del Lamberti (Da Lunedi a venerdi dalle 10:00 ALLE 18:00; Sabato e domenica dalle 11:00 alle 19:00)
Dopo una lunga passeggiata è l’ora di bere un calice di vino…ecco il posto che fa al caso vostro: OSTERIA DEL BUGIARDO (Corso Porta Borsari 17/Vicino a Piazza Erbe, )
Ottime le etichette di vini proposte e grappe speciali della cantina Buglioni, come la grappa di amarone, accompagnato a piatti tipici della tradizione veronese.
Noi abbiamo iniziato con un calice di Valpolicella e polenta mista con salame, salsiccia, lardo di colonnata e gorgonzola…una delizia! Vi consigliamo di prenotare e il tavolo sarà conservato per l’orario atteso.

A quest’ora tutti a nanna…non sapete dove andare? Il nostro consiglio è di fermarvi da Residenza Elisabetta, (Via Amanti 9, Centro storico di Verona). Gestito da due persone squisite Giulia e la sua mamma Carla pronte ad esaudire tutte le nostre richieste. Le camere sono nuove e pulitissime, arredate finemente e con un bagno molto confortevole.
Inoltre si ha la possibilità di utilizzare una cucina in comune con le altre due camere con una dispensa e frigo a completa disposizione. La mattina sarete accolti con una ricca colazione fai da te.

Ora vi starete chiedendo ma cos’altro è possibile vedere?
Nascosto tra i palazzi troverete il Duomo di Verona consacrato nel 1187 e dedicato a Santa Maria Matricolare, in stile romanico.
A seguire potete spostarvi in Piazza dei Signori attraversando l’arco della Costa, così chiamato dalla costa di una balena che si trova in alto. Proseguendo più avanti potete visitare la casa di Romeo, tipicamente medievale, anche se non è possibile visitare il cortile in quanto è diventata proprietà privata.

E potete mai andar via senza aver assaggiato il piatto tipico veronese, il bollito? Tappa obbligata al ristorante Il Torcolo, Via Carlo Cattaneo, 11, 37121, dove mangiare assolutamente il bollito. Ma di cosa si tratta? È un secondo piatto costituito da vari tagli di carne che vengono fatti bollire a lungo e poi serviti insieme molto caldi, con l’aggiunta delle verdure bollite insieme alla carne, solitamente carote, cipolle e sedano, oltre al purè di patate o patate bollite. Inaffiato il tutto da un buon calice di vino.

Ed infine per i più golosi consigliamo “come una volta gelateria” –>Via Pellicciai, 11, adiacente alla meravigliosa Piazza Erbe.
Sin da subito spicca la bontà del gelato artigianale fatto con ingredienti naturali e buonissimi; superlativa la mousse di ricotta da accompagnare al pistacchio di Bronte.

Loading Facebook Comments ...

Leave a Response