Ristoranti

Basquiat: estro, fantasia e qualità in un sol boccone a Matera

Basquiat Ristorante MateraBasquiat Ristorante Matera

Arrivo a Matera e la voglia di provare le specialità lucane è tanta.
Dopo un giro, poco fuori i Sassi, sono attirata da questo ristorantino elegante e al contempo ricercato nel design. Nasce un anno e mezzo fa da un’idea di Giancarlo Del Castello, patron e chef, che ha voluto ricreare, con ben 25/30 posti, un ambiente conviviale, intimo e raffinato.

Giancarlo, una persona umile che della sua esperienza ha fatto tesoro: dalla spaghetteria durata ben 8 anni proseguita con l’apertura di un bar fino alla sua attuale dimora, il Basquit.

Domanda che sorge spontanea: come puó uno chef passare da un bar alla ristorazione? La voglia di dar sfogo al proprio estro, fantasia, amore per dar vita ai piatti. I commensali, grazie ad una cucina a vista, possono soffermarsi a guardare lo chef all’opera.

Da quando ha iniziato questa esperienza, dice Giancarlo, il suo unico obiettivo è stato sempre quello di mantere un’ottima qualità dei prodotti ed è per questo che ama presentare ai commensali la selezione dei cibi freschi che da lì a poco degusteranno.

Ebbene si è riuscito nell’impresa di sviluppare il suo progetto senza scontentare i clienti affezionati, nel caso specifico divisi tra turisti e cittadini in egual misura.
Il menù è incentrato sulle specialità lucane e quindi ampio spazio al tripudio di antipasti, con la crapiata materana con crosticine di pane tostato, purea di fave e cicorie con mollica di pane e crusca, i funghi al cardongello e olive fritte…queste mi hanno letteralmente mandato in estasi.

Impeccabile è stato lo spiedino di paccheri al baccalà e pomodoro pachino.

Impossibile non citare lo scrigno, uno dei cavalli di battaglia del Basquiat, il piatto simbolo dell’intero menù, in cui la forza gustativa è data dalle orecchiette con cime di rapa e salsiccia bilanciata dalla mollica e dal sapore divino del peperone crusco.

Un piatto dai mille significati, basti pensare alla passione e all’amore che si metteva nella tradizione nel fare il pane, ai sassi di Matera interpretati con lo scrigno di pane Lucano e all’interno troviamo quanto di più prezioso esiste: la tradizione.

Urge menzionare gli spaghetti alla San Giovannino, con pepe pomodoro olive. Piatto apparentemente semplice dal lato gustativo ma che servito nel cartoccio amplifica il focus sui sensi.

Sul versante secondi inimitabile la punta di coltello di sette settimane e salsiccia lucana accompagnata da una pioggia di patate. La cottura? Prosegue sulla piastra lavica che viene portata a tavola e la si può gustare come meglio si crede.

Se, come me, volete assaporare la creatività e la fantasia nei piatti questo è il ristorante che fa per voi…dovete correre senza indugio!

Basquiat:
Indirizzo: Via Lucana, 3, 75100 Matera
Telefono: +39 335 543 8682 – Chiusi la domenica sera

Tags : peperoni cruschiristorante materaviaggio a matera

Gallery: Basquiat: estro, fantasia e qualità in un sol boccone a Matera

Loading Facebook Comments ...

Leave a Response