Ristoranti

Blu Stone e la cucina dello Chef Amatruda: corsa alla stella Michelin?

Blu stone Castellammare Michelin

A distanza di un anno, siamo ritornati a scoprire l’evoluzione della cucina gourmet del Blu Stone, con una cucina rivisitata in chiave moderna che vede come protagonista indiscusso la territorialità e la stagionalità dei prodotti.

Questo è il concept del giovane chef Alberto Amatruda che con quel tocco di originalità e fantasia crea abbinamenti e sapori stuzzicanti.

Chef Amatruda, che vanta un articolato curriculum, esprime in cucina tutta la sua mano e il bagaglio di esperienze raccolto nei diversi anni.

A questo aggiungiamo che il Blu Stone è un posto paradisiaco, What else?

Il Panorama mozzafiato che ti fa sfiorare Capri e tutto il Golfo di Napoli.

Il menu permette di giocare molto con la scelta delle pietanze, una più intrigante dell’altra.

Noi abbiamo deciso di optare per i piatti signature dello chef. Ed ecco iniziare il nostro percorso degustativo:

Iniziamo con l’entrèe Pan briosche con alici pomodori confit alici e burro, estasiati dal contrasto di sapori.

Rigorosamente pane fatto in casa e grissini accompagnati da olio Evo Pugliese di Michele Fiorentino.

Scampo marinato e scottato spuma di latte e gruè di cacao con una tonalità di lime (tipo cappuccino). Un piatto ricco a partire dalla spuma intensa nel gusto fino ad arrivare al tocco delicato dello scampo marinato.

Spigola in osmosi, creme fraische, alga wakame, qui lo chef mantiene il gusto della materia prima senza stravolgerla nel suo sapore.

Continuiamo con un risotto lamponi, cremoso di bufala e maionese di alici del cantabrico uno dei must che più rappresenta lo chef. Un piatto pensato dove è elettrizzante la maionese di alici. 

Un altro primo che solletica la nostra curiosità: Linguine Marulo aglio olio in salsa di ostriche e tarallo sugna e pepe che ha letteralmente sbaragliato tutti i sensi! Un piatto semplice ma arricchito dalla salsa di ostriche che dona quel tocco di mare esaltandone il sapore.

Si materilizza davanti ai nostri occhi una guancia di maialino Iberico cotta 48 ore in salsa teryaki accompagnato da dattero adagiato sulle patate si scioglie in bocca!

Per non parlare dell’idea originale del magnum di baccala in crosta di fiocchi di mais e rouge di peperone. Un’unica parola viene in mente quando viene servito a tavola questo piatto: Imperdibile!

Chiusura con una ricotta e pera scomposta con croccante di cannolo siciliano e sorbetto al gelato con panna cotta.

In abbinamento una carta dei vini ben studiata per accompagnare la cucina estrosa dello chef ma noi, come sempre, ci affidiamo completamente al sommelier Fabio. Siamo andati in Sicilia con un Cottanera Etna Doc 2017, un vino minerale dal colore giallo paglierino con delle note di freschezza che non guastano affatto in questi giornate estive. 

Un posto da non perdere per il vostro road map della Penisola sorrentina.

Bravo chef Amatruda e la sua brigata e speriamo che l’impegno profuso in cucina sia presto ripagata!

Blu Stone Restaurant:

Strada Statale 145 Sorrentina Km 12+750
80053 Castellammare di Stabia, NA – Italy

+39 347 0885924
infoblustone@sorrentocoasthotel.com

Tags : chef amatrudapastificio maruloristorante castellammare

Gallery: Blu Stone e la cucina dello Chef Amatruda: corsa alla stella Michelin?

Loading Facebook Comments ...

Leave a Response